Edizione 2017

Scuole protagoniste


  • Royal College of Art
    London, England
  • École Supérieure des Arts Appliqués Duperré
    Paris, France
  • Politecnico di Milano
    Milano, Italia
  • Università Iuav
    Venezia, Italia

Tema: Born to be Free


Evadere dall’ordinario della realtà con lo slancio e la velocità dell’immaginazione; la corsa sbrigliata e licenziosa di un nuovo easy rider, che si ribella da ogni convenzione, dai valori della società contemporanea per scegliere deliberatamente un mondo senza vincoli. Impulsi immaginifici che traggono ispirazione da passeggiate selvagge immerse in una natura decadente, da un’arte astratta e contrariata, dalla poesia dannata del poète maudit.

Vortici e linee interrotte invadono nuovi campi, i colori pieni e corposi si incupiscono per graffiare l’osservatore di un’energia irrompente e indisciplinata. È una libertà turbolenta, un impeto a rompere l’ordine di forme e cromie, in un andare incontro ad una creatività ribelle.

Filati


Gli articoli protagonisti dell’edizione

Vincitori


Partendo dal tema assegnato “Born to be free”, l’ispirazione per il concept di Martina Micheli e Rosalba Fucci, studentesse del Politecnico di Milano, è stato elaborato dalla fusione di due personaggi fra loro apparentemente molto diversi: il buttero toscano e il biker inglese degli anni 60/70.

È nata così la figura del “nuovo easy-rider”, in perenne movimento tra la campagna e la città, che decide di non rispettare le regole della società, ma di osservare solo quelle della natura, coniugando quindi la libertà al controllo.

Il progetto delle due ragazze si è distinto per la grande interpretazione creativa unita a una componente di forte credibilità, per la tecnica impiegata e l’utilizzo di filati e materiali diversi, anche riciclati ed ecosostenibili.